POSIZIONAMENTO SEO

Come funziona e cosa è il posizionamento SEO

Il SEO non è altro che l’insieme di tutte quelle azioni rivolte a ottimizzare un sito web con lo scopo di riuscire a raggiungere un miglior posizionamento tra i risultati organici e non a pagamento all’interno dei motori di ricerca attraverso l’utilizzo di parole chiave al fine di incrementarne il traffico.

I search engine o motori di ricerca non sono altro che dei sistemi per la ricerca di informazioni sul World Wide Web, questi risultati vengono presentati sotto forma di elenco denominato SERP, queste SERP possono essere costituite da video, immagini, pagine web o altro.

Un motore di ricerca opera nel seguente modo:

  • Analisi del campo d’azione (crawler);
  • Indicizzazione dei risultati ottenuti;
  • Posizionamento (ranking);
  • Risposta alle richieste dell’utente (SERP).

I motori di ricerca memorizzano continuamente le informazioni contenute all’interno delle pagine web, queste pagine vengono recuperate successivamente da un crawler web ovvero un algoritmo del tutto automatico che indicizza tutti i link presenti sul sito.

Di seguito viene effettuato un controllo di tutti i contenuti di ogni pagina web per riuscire a capire come indicizzarlo.

A tutt’oggi Google resta il motore di ricerca più utilizzato al mondo ma ne esistono altri come Bing della Microsoft, Yahoo o altri presenti in mercati in forte espansione come i cinesi Baidu e Tecent o il russo Yandex.

Tutti i motori di ricerca utilizzano degli algoritmi, questi non fanno altro che effettuare una continua ricerca di indizi per poter poi fornire all’utente ciò che sta cercando.
Per una semplice richiesta esistono milioni di pagine web che potrebbero contenere informazioni utili, gli algoritmi non sono altro che processi informatici che trasformano le domande in risposte.

Parlando di Google, i suoi algoritmi sono in continuo aggiornamento, calcolate che avvengono dai 600 ai 700 aggiornamenti l’anno.

In questi ultimi mesi la maggior parte dei webmaster si è concentrata nel capire il funzionamento dell’ultimo update denominato “”Fred“”, rilasciato a marzo del 2017.
Quest’ultimo grosso update ha lo scopo di andare a colpire i siti con grandi contenuti ma che sono rivolti più che altro a monetizzare e non ad offrire qualcosa di realmente utile e interessante per gli utenti.

I fattori SEO che possono variare il posizionamento di un sito web si dividono in due principali categorie:

  • Fattori on-page o on-site;
  • Fattori off-page o off-site.

Il fattore on-page consiste nella raccolta di tutte quelle attività che si effettuano per l’ottimizzazione delle pagine web di un sito, a sua volta questa può essere suddivisa in:

  • Ottimizzazione del codice HTML;
  • Ottimizzazione dei contenuti testuali e delle immagini.

Fra i fattori on-page distinguiamo:

  • Gestione dei link interni e dei link in uscita;
  • Struttura delle url;
  • Corretta funzionalità del file robots.txt;
  • Struttura del sito (ottima se gerarchica o ad albero);
  • Utilizzo dei giusti tag di markup per i contenuti;
  • Velocità di risposta del sito web;
  • Affidabilità del server;
  • Utilizzo di sitemap (cosa che aiuta gli spider a navigare all’interno del sito).

Il fattore off-page invece crea delle relazioni con altri siti web mediante la creazione di contenuti interessanti, processo denominato link building.
Fino a poco tempo fa, maggiori erano i link in ingresso e maggiore era il posizionamento, negli ultimi tempi la qualità ha superato, sotto il punto di vista della considerazione, la quantità.

I fattori che influenzano la qualità di un sito sono i seguenti:

  • Testo linkato;
  • Autorevolezza del dominio;
  • Affidabilità del sito;
  • Numero totale di link presenti in una singola pagina;
  • Quanto è recente il link stesso;
  • Quanto è popolare il sito che genera il link;
  • Affinità argomentativa del sito che linka.

Differenze fra SEO e SEA

Sono ambedue macro-attività che rientrano nella SEM (search engine marketing) del web marketing.

SEO (search engine optimization)

  • Riuscire ad avere un posizionamento ottimale richiede tempo;
  • Raggiunta una determinata posizione le parole chiave restano stabili salvo cambio di algoritmi o salita della concorrenza.

SEA (search engine advertising)

Questa la si effettua attraverso il circuito Google AdWords

  • Vengono pagate sia la gestione della campagna Google sia i click effettuati;
  • Una volta impostata una campagna google Adwords (pay per clik), questa è online in pochissimo tempo;
  • Terminata la campagna si viene eliminati dalla SERP;
  • Si viene posizionati in alto o in basso in base all’investimento effettuato.

La manovra più importante nel posizionamento SEO è la scelta delle Keyword, in questa prima fase risulta essere di cruciale importanza la ricerca delle parole chiave correlate all’argomento che il nostro sito propone, per poter raggiungere risultati migliori è consigliabile l’utilizzo di parole chiave che non siano troppo generiche ma neanche troppo specifiche.

In questo caso possiamo farci aiutare dalla teoria della “Long Tail” di C. Anderson per il quale i prodotti specifici avranno molte più possibilità di profitto.

Per effettuare uno studio ottimale delle parole chiave vi consigliamo di utilizzare il tool messo a disposizione di Google denominato Keyword Planner.

Attraverso l’utilizzo di questo tool potrete accedere a servizi statistici su ricerche mensili, di un singolo paese o globali che vengono effettuate dagli utenti stessi.

Inutile dire che il contenuto del vostro sito dovrà essere di qualità, dovrà racchiudere contenuti utili ed interessanti, ricordate che Google premia chi inserisce contenuti che soddisfano la necessità di formazione, informazione e intrattenimento di chi effettua la ricerca.